Soggiorno lungo e stretto

…E IL TAVOLO DOVE LO METTO?

Incontro Sandro (mai visto prima!) per caso in una libreria. In attesa di pagare il rispettivo acquisto cominciamo a scambiarci qualche battuta, complice la sua attenzione al libro tra le mie mani sull’arte applicata.

Una parola tira l’altra e ci raccontiamo delle nostre professioni che, come interessi, sono agli antipodi.

Lui prende la palla al balzo e mi dice che vorrebbe cambiare la disposizione della zona soggiorno perché non rispondente alle sue necessità. E così ci scambiamo i numeri di telefono e lì per lì fissiamo un appuntamento per un sopralluogo senza impegno.

Ed eccomi a casa di Sandro! Noto da subito che la recente ristrutturazione totale dell’appartamento ha un’impronta prettamente maschile sottolineata dai toni monocromatici dell’arredo e delle tinteggiature.
Gli imbotti delle porte interne e delle finestre sono rivestiti in metallo di color antracite così come la struttura della libreria e le doghe del soffitto che la collegano otticamente alla struttura del bancone.

L’ambiente stretto e lungo già arredato non permette di posizionare un tavolo in modo facilmente fruibile. E’ infatti infelicemente accostato al retro del divano.

Sandro mi spiega che ha molti amici che a volte si fermano a cena e necessita di un arredo dinamico facilmente trasformabile, dove anche un standing party possa essere possibile. Mi metto al lavoro e, senza stravolgere lo spirito così volutamente maschile decido che il soggiorno va decisamente “scaldato”! La tinteggiatura bianca e le finiture in metallo lo rendono particolarmente freddo e poco accogliente. Ed ecco la pianta della nuova disposizione .

Il punto focale sarà la creazione di una boiserie in rovere massello rigenerato autentico di Havwoods, di una panca e di un tavolo su ruote a scomparsa dello stesso legno, che all’occorrenza, a seconda dell’uso (tavolo o consolle) può essere fatto scorrere.

Appeso alla boiserie un grande quadro che ho scelto tra le opere dell’artista Stefano Luciano intitolata “Silenzio Contemporaneo” , una presenza bidimensionale che crea un meraviglioso punto focale prospettico, dal tocco in stile industriale che richiama sia il metallo già utilizzato per l’ambiente che il legno di rovere antico. 

Le due applique Nautilus di STUDIO ITALIA DESIGN facilmente direzionabili , illuminano sia il tavolo che il quadro, creando punti di ombra e luce che “smuovono” la rigidità delle linee.

La poltrona girevole Grande Papillo di B&B Italia risponde perfettamente all’esigenza di Sandro di rilassarsi dopo il lavoro, guardando la televisione o leggendo un libro.

Gli sgabelli/tavolini Hexagon di Horm risolvono egregiamente il problema delle sedute quando il tavolo è in uso.

A servizio del bancone snack gli sgabelli alti Ribbon di Cappellini danno un tocco di vivacità nonchè di ricercatezza all’insieme.

Lo specchio di fondo a tutta parete illuminato a destra da un led verticale, amplifica lo spazio (non più di 30 mq), creando una piacevole illusione ottica. 

Gli occhiali specchio Eye-Eye di Meritalia appesi a parete sopra il divano invitano a future scelte d’arredo in stile pop o comunque poco convenzionali!

La soluzione vista dall’alto dà una più esaustiva idea del progetto.

PS – Il quadro di Stefano Luciano proposto nel progetto è stato nel frattempo venduto!

Chiudi il menu